oh, i am just visiting

oh, i am just visiting

Fabrice Bernasconi Borzì

testi di Giulia Papa e Gianluca Lombardo

PERIODO
25 giugno/10 settembre 2022

OPENING
Sabato 25 giugno 2022, ore 19.00-21.00

LOCATION
BOCS, via Grimaldi, 150 – 95121 Catania
(visite su appuntamento +39 338 22 03 041)

Inaugura sabato 25 giugno 2022, alle ore 19.00, presso il BOCS di Catania la personale di Fabrice Bernasconi Borzì dal titolo oh, i am just visiting. La mostra sarà visibile fino al 10 settembre 2022.

Si tratta della prima personale dell’artista italo-svizzero presso un artist run space siciliano. Fabrice ha deciso di lavorare con la vision dello spazio “[…] arte che coinvolga tutti, addetti ai lavori e non”, mission che verte su un’arte che tessa relazioni con un pubblico aperto a nuove ricerche e sperimentazioni, e che miri ad allargare il concetto di fruizione e consumo culturale.

Con la sua tipica derisione, Fabrice decide di realizzare un manufatto in sé stesso, in rapporto con il fruitore e con l’ambiente che lo ospita, provando di riempirlo e lasciarlo vuoto allo stesso tempo.

L’oggetto costruito e manipolato, viene preso in prestito da un luogo vicino, il porto. Una forma nuova, non presente nel suo bagaglio esperienziale artistico e soprattutto sconosciuto al suo lato svizzero.

Ritroviamo allora dei tratti noti del suo modo di operare: la sua ironia, il suo dualismo culturale e la sua provenienza dall’allestimento.

La filosofia con cui opera l’artista, è una filosofia dell’idiozia, la cui struttura linguistica genera forme precarie che sono il risultato di una disciplina del provvisorio. Tale intuizione, che a tratti ricorda una certa proposizione intellettuale da détournement situazionista, è una contraddizione in termini che lo porta a lavorare, per la mostra al BOCS, ad una installazione estemporanea che esprime al contempo precarietà e potenza, lirismo e minaccia.

Per queste peculiarità oh, i am just visiting vuole essere una parodia della scultura tradizionale e del linguaggio con cui la decifriamo. Resta solo da capire in che modo…

 

RINGRAZIAMENTI
Galleria MASSIMOLIGREGGI, PlayHouse

 

Sito: http://fabricebernasconiborzi.com/
Instagram: https://www.instagram.com/_sameoldthings/

Chi è Fabrice Bernasconi Borzì

Fabrice Bernasconi Borzì è un artista italo-svizzero, nato a Ginevra nel 1989, dove ha completato i suoi studi laureandosi in (dé)construction alla Haute école d’art et de design nel 2016. Dal 2018 vive e lavora a Catania, dove ha conseguito il diploma accademico di secondo livello in arti visive presso l’Accademia di Belle Arti.
Ha realizzato che la sua vera ispirazione proveniva dalla Sicilia, la sua terra di origini. Compie così una sorta di viaggio a ritroso, inverso rispetto a tanti altri suoi coetanei, e passa dal Nord al Sud dell’Europa perché avverte il bisogno di non smarrire la cultura d’origine, dove riconosce nuovi stimoli e nuova forza espressiva per il suo lavoro d’artista. Questo dualismo nazionale ed esistenziale, questa doppia cittadinanza, con la contraddizione che ne consegue, si pongono alla base dell’”equilibrato conflitto tra forze” che la sua opera intende esprimere.
Fabrice si considera una spugna e un ladro di idee ma che lavora sodo per essere, veramente, quello che è. La sua è una prospettiva intellettuale dove scetticismo, realtà e disfattismo sono un tutt’uno. Questa è una continua congiunzione di filosofia, di rivolta, di credo, di sovversione e di appartenenza. Politica e poesia coesistono nel gesto crudo dello stare in equilibrio nonostante l’evidenza dei fatti.

Tra le mostre e partecipazioni recenti
Impro#1, Massimoligreggi, Catania, Italia (2021), Hybrid Art Fair, Madrid, Spagna (2020), Premio Naziole delle Arti, Accademia Albertina, Torino, Italia (2019), Border Crossing ha incrociato Geografico, a cura di Pietro Fortuna, diverse sedi Palermo, Italia – AD IN VISIBILIA, Fondazione Brodbeck, Catania, Italia (2019), Garden of the forking paths, a cura di MASS Alexandria, MANIFESTA12Palermo, 5x5x5 collateral event, Palermo, Italia (2018), La ruche et la valise, a cura di Noah Stolz, Villa Bernasconi, Ginevra, Svizzera (2017)

Tra i principali premi
Exibart prize, quinto in classifica (2020), Premio nazionale delle arti, vincitore opere interattive (2019)

NewsletterNon perderti nessun evento.

Se apprezzi le nostre attività e il supporto che diamo all'arte contemporanea e ai giovani artisti, iscriviti alla newsletter per non perderemo neppure un evento.